Username Password  
  Forgot your password?  
ItalianoEnglish
 
  COME VEDERE L'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA HOW TO SEE CONTEMPORARY ARCHITECTURE
COME VEDERE L'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA HOW TO SEE CONTEMPORARY ARCHITECTURE
HOME
ARCHITECT | LOCATION | TYPOLOGY | EXHIBITIONS | ADVANCED SEARCH

BUILDING
 
 
Il Giardino dei Tarocchi
The Tarot Garden
Top
DESIGNER
 
 
Niki de Saint Phalle

Top
CONTEXT
 
Relationship with the location
Niki de Saint Phalle Il Giardino dei Tarocchi The Tarot Garden Garavicchio Capalbio Grosseto Italy
Top
DESCRIPTION
 
Niki de Saint Phalle Il Giardino dei Tarocchi The Tarot Garden Garavicchio Capalbio Grosseto Italy
Top
LOCATION
 
Continent
Europe
Nation
Italy [Italia]
Region
Tuscany [Toscana]
Province
Grosseto
Town
Capalbio
Place
Garavicchio
 
 
Telephone
+39.0564.895122
Fax
+39.0564.895700
Website
E-mail
tarot@tin.it
Top
MAP
 
 
Top
TYPOLOGY
 
ARCHITECTURE
Monuments, decorations, furnishings, graphics
Monuments and works of art

LANDSCAPE ARCHITECTURE AND NATURAL ENVIRONMENTS
Landscape architecture
Theme gardens
Top
CHRONOLOGY
 
Project
1979    
Realisation
1996
Top
THE BUILDING IN CINEMA
 
Title
  Niki de Saint Phalle: Wer ist das Monster - du oder ich? [Niki de Saint Phalle: Who is the Monster, You or Me?]
Directed by
Peter Schamoni
Nationality
Germany
Year of production
1996
Cast
Niki De Saint Phalle, Jean Tinguely, Bernhard Luginbühl, Laura Condominas
Building's role
Considerable
Top
BIBILIOGRAPHIC REFERENCES
 
 
Silvia Bottinelli, Claudia Lamberti, Matteo Mattei, "Progettare lo spazio onirico: il «Giardino dei Tarocchi» a Capalbio, tra arte e architettura", Bollettino Ingegneri 10/2007, ottobre 2007, pp. 10-20
Laura Pirovano, "Arte nei giardini toscani", Architettura del paesaggio 15, novembre 2006-aprile 2007/november 2006-april 2007, "Arte e paesaggio" p. 91 (88-92)
Brenda Brown, "Monument to Metamorphosis", Landscape Architecture 8/2004, august 2004, "Design" pp. 36-42
Arte in Giardino. Sculture e installazioni nel verde, CD-ROM "VilleGiardini 14", allegato a VilleGiardini 385, novembre/november 2002
Niki de Saint Phalle, Il Giardino dei Tarocchi, Editions Acatos, Lausanne 1999
Anna Mazzanti, "Niki de Saint Phalle a Orbetello. Quando il gioco si fa duro", Art e Dossier 125, luglio-agosto 1997, pp. 12-16
Anna Mazzanti (ed.), Niki de Saint Phalle. Il Giardino dei Tarocchi, Charta, Milano 1997
Top
ADDITIONS AND DIGRESSIONS
 
 
 


Nel 1955 (avevo allora 25 anni) ho visitato a Barcellona gli splendidi lavori di Antonio Gaudi. Nel parco Guell, con le due panchine fatte di frantumi di piatti, dove alberi di pietra stavano a fianco di veri alberi. Ho trovato il mio maestro: Gaudi. Questa esperienza ha forgiato il mio destino: un giorno costruirò un rifugio dove trovare pace e gioia. L’Italia mi ha molto aiutata in questo camino. Ho visitato le sue numerose cita d’arte, le chiese ed i vari tesori artistici così unici e reperibili solo in questo paese: la Cappella Sistina, L’ultima cena di Leonardo da Vinci. I favolosi giardini come quello di Ville d’Este e di Bomarzo. Sono stata particolarmente colpita dalle chiese e dal pensiero delle migliaia di persone che si sono dedicate alla costruzione di questi grandiosi edifici che cantano la gloria di Dio. La mia visione è stata rinforzata da queste esperienze e mi sono dedicata, a mia volta, alla Realizzazione di un giardino che ispiri, a questo mondo turbato, sentimenti artistici di serenità e di amore per la natura. Ho cominciato il giardino nel 1979, tra grandi difficoltà e fatiche fisiche. Una gran parte della mia vita è stata dedicata alla realizzazione di questa costruzione malgrado malattie ed isolamento di familiari ed amici. Ma niente mi poteva fermare. Quando mio marito, Jean Tinguely, era ancora in vita e veniva a lavorare nel giardino, spesso ci incontravamo ad Orvieto perché entrambi adoravamo il Duomo. Ma un giorno, nel lontano 1985, dopo aver visto lo scempio causito da un sovraffollamento di autobus, gente e guide vocianti, decidemmo di non ritornarci mai più. Non era più possibile usare la chiesa come un luogo di Raccoglimento ed ammirazione: la Sua santità era stata dissacrata! Troppe cose erano cambiate. Non era più possibile condividere la suprema bellezza del Duomo d’Orvieto con un numero esagerato di persone. E purtroppo questo accade in molti posti artistici Italiani dove i beni culturali vengono asserviti al lucro ed alla speculazione. Mi ricordo di avere detto a Jean, con grande tristezza che questo sarebbe stato il mio più grande problema col giardino. Mi promisi che mai il giardino sarebbe caduto nelle mani di gente che avrebbe potuto degradarlo.

Non molti comprendono che il Giardino è una fragile opera d’arte con i suoi specchi, vetri e ceramiche, ha bisogno di una delicata e continua cura. E’ questa la Ragione per la quale il Giardino non può rimanere aperto tutto l’anno Senza un’adeguata manutenzione cadrebbe in rovina in pochi anni. E questa manutenzione dev’essere eseguita dall’equipe che, avendo costruito il giardino insieme con me ha acquisito l’esperienza e l’abilità di farlo con cognizione ed amore. Dopo aver lavorato per vent’anni alla progettazione di questa opera, non ho nessuna intenzione di vederne la delicata bellezza distrutta e vandalizzata. La mia visione del messaggio del giardino è, e rimarrà fedele all’idea originale. Sono orgogliosa di poter offrire al visitatore questa rara ricchezza il tempo di assimilare e riflettere sullo spirito del Giardino, senza esserne spinti affannosamente in torno come un branco pecore. Colore che traggono guadagno organizzando questo genere di visite in massa non entreranno mai nel Giardino. Noi non continueremo a dissacrare l’arte, ma la mostreremo come deve essere presentata. L’Italia è sempre stata uno dei miei grandi amori e desidero contribuire, con l’esempio, alla conservazione dei suoi innumerevoli tesori artistici e della sua eredità culturale. Il mio giardino è un posto metafisico e di meditazione un luogo lontano dalla folla e dall’incalzare del tempo, dove è possibile assaporare le sue tante bellezze e significati esoterici del sculture. UN POSTO CHE FACCIA GIOIRE GLI OCCHI ED IL CUORE.

Niki de Saint Phalle nov.20, 97
Top
CLIENT
 
 
Marella Caracciolo Agnelli
Top
DIMENSIONAL
DATA
 
Surface
ca. 1 ha
Top
STRUCTURES
 
 
Jean Tinguely
Top
STAFF
 
Project
Niki de Saint Phalle
Associate designers
Jean Tinguely
Art intervention
Pierre Marie Lejeune (furnishing)
Alan Davie (fresco in the Wizard)
Marina Karella (sculpture in the Priestess)
Top
ANNOTATIONS
 
 


Dossiers on The Tarot Garden
Top
CREDITS
 
 
Photos © Monostudio
Courtesy by Prestphoto

Niki de Saint Phalle Il Giardino dei Tarocchi The Tarot Garden Garavicchio Capalbio Grosseto Italy




If you haven't already clicked on the photo strip at the top of the page, for the gallery of photos [36 images], enter here
 
 
Contacts    Copyright © 2004 - 2017 MONOSTUDIO | ARCHITECTOUR.NET
 
| Disclaimer | Conditions of use | Credits |