Username Password  
  Forgot your password?  
ItalianoEnglish
 
  COME VEDERE L'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA HOW TO SEE CONTEMPORARY ARCHITECTURE
COME VEDERE L'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA HOW TO SEE CONTEMPORARY ARCHITECTURE
HOME
ARCHITECT | LOCATION | TYPOLOGY | EXHIBITIONS | ADVANCED SEARCH
BUILDING
 
 
Museo Alessi
Alessi Museum
Top
DESIGNER
 
 
Atelier Mendini
Top
DESCRIPTION
 
Atelier Mendini Museo AlessiLa pratica di “fabbrica del design italiano”, a metà strada tra industria e arte, ha attirato progressivamente su Alessi l’interesse dei musei d’arte applicate e di industrial design di tutto il mondo, e negli anni sono state organizzate molte mostre sulla sua attività. Grazie alla continua attività di sperimentazione, Alessi ha prodotto negli anni un insieme vasto e interessante di prototipi che, insieme alla produzione storica e ai numerosi oggetti raccolti per decenni in tutto il mondo, rappresenta uno spaccato prezioso della storia del progetto. Lo scopo del Museo Alessi, inaugurato nella primavera del 1998, è di archiviare questo prezioso patrimonio storico e arricchirlo costantemente attraverso l’acquisizione di tutti gli oggetti, i disegni, le immagini e i documenti di qualsiasi natura, rilevanti per la storia dell’Alessi e più in generale dell’oggetto d’uso domestico.

Allestito in un immobile all’interno della fabbrica di Crusinallo di Omegna (Verbania), il museo espone così un vasto insieme di prototipi, prodotti non più in catalogo, stampati, documenti grafici e progettuali. Inoltre, stampi, allestimenti d’autore, immagini storiche, libri, riviste e cataloghi. Insomma, una collezione specializzata di arte applicata e di design del XX secolo, con pezzi ormai rarissimi, che assolve alla funzione di archivio organizzato dell’identità culturale dell’Alessi.

L’istituzione di un Museo Alessi è stata l’evoluzione fisiologica di un processo ventennale di approfondimento di temi e soluzioni. Molte delle pubblicazioni che in quei vent’anni avevano visto la luce lasciavano intuire tale sbocco, non foss’altro che per l’intrinseca, affascinante, ricchezza poetica e artistica di tanti progetti e per la densità del dibattito intellettuale da cui erano scaturiti. Tuttavia, la nascita del Museo Alessi si è anche inserita in un momento particolare: nel clima più generale di un ripensamento sulla funzione stessa dei musei. Inoltre, ha risposto a un fenomeno spontaneo e curioso che stava avvenendo: tutta l’Alessi, nel suo complesso, stava in fondo assumendo l’immagine/natura/identità di un museo, un tipo di museo del tutto nuovo, di cui il neonato archivio non era che una parte.

L’attività del museo è rivolta sia a rafforzare le attività di metaprogetto e di politica del prodotto (mediante un contributo di conoscenze storiche), sia a relazionarsi in modo più diretto e competente con le strutture museali con le quali Alessi è già da tempo in rapporto. La collezione è infatti un prezioso archivio a disposizione dei curatori di mostre temporanee, interessati a includere nelle loro esposizioni i materiali in esso conservati. Grazie a quest’attività e a quella che coinvolge direttamente il Museo Alessi nella produzione e distribuzione di mostre temporanee, si è infittita la rete di rapporti e collaborazioni con musei di design e arte contemporanea. Per ricordarne alcuni: il 21th Century Museum of Contemporari Art di Kanazawa, il Centre Pompidou di Parigi, il Design Museum di Londra, il Deutsches Architektur Museum di Francoforte, la Fondation Beyeler di Basilea, la Fondation Cartier di Parigi, l’Helsinki Design Museum, il Guggenheim Museum di New York e di Bilbao, il Louisiana Museum di Humlebæk, il MAK di Vienna, il MOMA di New York, MAXXI (Roma), The Montreal Museum of Fine Arts, il Museo de les Artes Decoratives di Barcellona, il Museum of Applied Art di Oslo, il Powerhouse Museum di Sidney, il Victoria & Albert Museum di Londra. Tra le mostre direttamente prodotte dal Museo Alessi, ricordiamo “Tea & Coffee Towers”, mostra itinerante che ha toccato, fra gli altri, La Triennale di Milano, il Melbourne Museum, il Groninger Museum di Groningen e il Sir John Soane’s Museum di Londra.

Il Museo Alessi è inoltre membro di Museimpresa, l’associazione italiana dei musei e degli archivi di impresa. L’associazione riunisce alcune delle realtà più interessanti del panorama italiano, quali il Museo Piaggio, il Kartell Musem, l’Archivio Pirelli, il Museo Salvatore Ferragamo e il Museo Ducati (www.museimpresa.com).

Progettato da Alessandro Mendini e curato da Francesca Appiani, il museo è visitabile su appuntamento.



Edited by Museo Alessi
Top
LOCATION
 
Continent
Europe
Nation
Italy [Italia]
Region
Piedmont [Piemonte]
Province
Verbano-Cusio-Ossola
Town
Omegna
Hamlet
Crusinallo di Omegna
Address
via privata Alessi 6 (Via Casale Corte Cerro)
 
 
Telephone
+39.0323.868.742
Fax
+39.0323.866.132
Website
E-mail
museo.alessi@alessi.com
Top
MAP
 
 

View Larger Map
Top
TYPOLOGY
 
ARCHITECTURE
Museums and buildings for exhibitions
Specialized museums
Monuments, decorations, furnishings, graphics
Furnishings
Operations on existing buildings
Renovation, rehabilitation and restructuring
Top
CHRONOLOGY
 
Realisation
1998
Top
BIBILIOGRAPHIC REFERENCES
 
 
Juli Capella, "Intervista/Interviews. Alessandro Mendini", Domus 813, marzo/march 1999 [Mediterraneità/Mediterranean spirit], "Design" p. 57 (55-63)
Top
CLIENT
 
 
Alessi
Top
STAFF
 
Design team
Marta Magistrini, Alessandro Ciapponi, Maurizio Fiorella
Museum consultant
Francesca Appiani
 
 
Contacts    Copyright © 2004 - 2017 MONOSTUDIO | ARCHITECTOUR.NET
 
| Disclaimer | Conditions of use | Credits |